Maria Amata Garito



Saggi e Pubblicazioni

In quest'area è possibile consultare i saggi della Professoressa Garito, frutto di interventi a conferenze internazionali e pubblicazioni di testi ed articoli. Dove indicato esplicitamente sono riportati i saggi frutto di collaborazioni della Professoressa Garito con altre personalità del mondo accdemico ed istituzionale.

“La Coopération entre les Institutions d’Enseignement Supérieur Africaines et Européennes pour réaliser un système de formation à distance, basé sur les nouvelles technologies pour construire l’Afrique de Demain” (Versione italiana)

AutoreM. A. Garito  Luogo/DataAgadir - Marocco, 26/03/2009

Torna indietro Articolo in formato PDF >>

Abstract

La creazione di uno Spazio Euromediterraneo per l’Educazione Superiore, che nasce dalla collaborazione tra Università a Distanza, Università ed Istituzioni di formazione tradizionali di diversi paesi Europei e del Mediterraneo, è un tema di fondamentale importanza dal punto di vista strategico, culturale, politico ed economico.

Internet ha rivoluzionato i modi di produrre e comunicare conoscenza. I nuovi media permettono a tutti i cittadini, senza limiti di spazio, di tempo e di luogo di accedere al sapere. La quantità di contenuti formativi inseriti su Internet, fa' sì che l'apprendimento possa avvenire anche fuori dalle strutture educative o formative tradizionali. Il processo, amplificato dalle tecnologie telematiche, tende a costituire all'interno della società dell'informazione una società pedagogica globale.

La constatazione di questa realtà, mette in evidenza il valore e l’importanza di attivare collaborazione tra Istituzioni accademiche dei diversi paesi, nel nostro caso dell’Europa e del Mediterraneo, per produrre contenuti formativi da inserire negli spazi virtuali di Internet e per creare insieme sistemi e strutture di nuovi modelli di Università a Distanza e di e-learning di qualità. Lo realizzazione di contenuti su Internet, non solo consente lo sviluppo di un modello di e-learning di qualità, ma consente anche di realizzare concretamente gli obiettivi di “Lisbona 2010” legati allo sviluppo culturale ed industriale di un’Europa basata su un’ Economia della Conoscenza, in cui anche il Mediterraneo, come si è prospettato nella Conferenza di Barcellona del 1995, può essere protagonista dei nuovi mercati.